Storia di successo di un paziente keniota guarito dal morbo di Parkinson dopo un intervento di neurochirurgia in India

storia-di-successo-di-un-paziente-keniota-che-si-è-guarito-dalla-malattia-di-parkinson-dopo-neurochirurgia-in-india

06.06.2019
250
0

Nome del paziente: William Murre Meshesh

Paese: Kenya

Condizione: morbo di Parkinson

Terapia: neurochirurgia

Fornitore di assistenza di viaggio: Medmonaci

Ospedale: BLK Super Specialty Hospital, Nuova Delhi 

Medico: Dr Anil Kumar Kansal │ Direttore e HOD del Dipartimento di Neurochirurgia

William Murre, un uomo di mezza età, originario del Kenya, soffriva del morbo di Parkinson da più di cinque anni, ma le sue condizioni non sono state identificate perché non ha ricevuto cure mediche in tempo.

Quello che era iniziato come un piccolo tremore si è trasformato in una condizione pericolosa per la vita, facendolo diventare completamente dipendente dalla sua famiglia. È diventata una sfida per lui fare alcuni passi senza supporto.

Quando Tressie, la moglie di William, che lo ha accompagnato in India, si è messa in contatto con la nostra squadra, era a malapena a camminare. Aveva perso il controllo dei suoi movimenti e necessitava di cure mediche immediate. 

Dobbiamo elogiare il coraggio, la forza di Tressie, che lo ha sostenuto durante tutto il viaggio, facendogli da spina dorsale, facendo in modo che si riprendesse.

Tressie ha discusso con noi delle condizioni di William “Ha avuto un problema di tremori cinque anni fa e non siamo riusciti a identificare il problema fino a quando non abbiamo visitato un neurologo in Kenya, che ci ha detto che mio marito ha il morbo di Parkinson. Quindi, nel sesto anno, cioè quest'anno 2019. Siamo venuti in India, attraverso una compagnia chiamata Medmonks, che ci ha portato al BLK Hospital. In ospedale, abbiamo incontrato il dottor Anil Kansal, il neurologo che ha eseguito l'operazione".

Ha quindi iniziato a confrontare le condizioni di William prima dell'intervento, “non riusciva a camminare bene, riusciva a malapena a fare qualche passo, il suo corpo rimaneva piegato sul lato destro, non poteva tenere nulla con le mani. Era così debole; era sempre molto triste; non poteva stare seduto a casa, o andare da nessuna parte. Non riusciva nemmeno a dormire». È stato un periodo molto difficile nella vita della mia famiglia, ma ora va tutto bene.

“Alla BLK, il suo trattamento è stato eseguito entro una settimana e, dopo il trattamento, William può camminare, stare in piedi, sedersi. Inoltre non dimentica le cose ora. E ringrazio tutto il personale dell'ospedale BLK per avermi restituito il mio vecchio William”, ha aggiunto.

Il suo caso è stato gestito da Dr Anil Kumar Kansal, chi è il direttore e Capo del Dipartimento di Neurochirurgia presso il BLK Super Specialty Hospital di Nuova Delhi.

Ed ecco cosa ha detto il dottor Anil Kumar sul suo caso: “William soffriva del morbo di Parkinson. In questa malattia, il paziente avverte tremori alla mano e ha difficoltà a camminare, a causa della lentezza del corpo, e per questo motivo il paziente si corica gradualmente. Non può fare niente da solo. Diventano completamente dipendenti”.

"William è venuto da noi tramite Medmonks, che ha condiviso i suoi record, in base ai quali abbiamo chiamato la famiglia in India". Dopo un'ulteriore discussione, abbiamo deciso di eseguire un intervento chirurgico di stimolazione cerebrale profonda sul paziente. “L'operazione ha richiesto circa 14 ore e il paziente ha mostrato un drastico miglioramento in 48 ore. Il paziente ora è in grado di camminare e usare correttamente la mano”, ha aggiunto il dottor Kansal.

Guarda il post sul miglioramento di William: l'intervento chirurgico.

Guarda questo video per saperne di più sulla chirurgia di stimolazione cerebrale profonda.

Neha Verma

Studentessa di lettere, aspirante scrittrice, appassionata di fitness e astrattista, con una mente curiosa..

Commenti

Lascia un tuo commento
->